Lino Soragna - :: COMUNE DI LUZZARA ::

LUZZARA NON DIMENTICA | I nostri martiri | Lino Soragna - :: COMUNE DI LUZZARA ::

LINO SORAGNA (LINO)

 

 

soragna.jpg

 

 

Soragna Lino (Lino) Di Carlo, c.l. 1924, residente a Fornace di Luzzara, arruolato il 10/10/1944 nella 77° Brigata S.A.P., fucilato a Reggiolo il 14/04/1945.

 

Lino nacque a Bondeno di Gonzaga il 24 maggio 1924 ma ben presto i genitori si trasferirono a Luzzara, dove frequentò le cinque classi elementari.

 

I genitori, modesti operai, ebbero bisogno anche del suo lavoro per affrontare i bisogni della vita.

 

Ecco quindi che Lino, ancora giovanetto, raggiunse lo zio a Tabellano dove lavorò come suo aiutante.

 

Nello stesso tempo si prestava staffetta da Tabellano a Luzzara.

 

Lino fu sempre avverso alla guerra, chiamato alle armi fuggì da militare con un suo compagno per arruolarsi volontariamente nelle formazioni partigiane.

 

Per disertare dovette affrontare enormi perizie.

 

Assieme ad altri partigiani visse per parecchi mesi in un capanno nei boschi presso il Po.

 

Era un ragazzo buono e piuttosto tranquillo e se fosse vissuto in un periodo pacifico avrebbe voluto seguire con gioia lo studio della fisarmonica.

 

Era poco loquace, ma fermo nelle sue idee e nei suoi propositi.

 

Anch'egli, come tanti altri patrioti, venne arrestato il 12 aprile 1945, nonostante il fratello Adelmo facesse il possibile per farlo fuggire da casa.

 

Ma ormai la Brigata Nera aveva già cominciato il rastrellamento dopo aver accerchiato il paese.

 

Le orde naziste, appena arrestato Lino nella campagna, lo portarono davanti a casa, dove lo schiaffeggiarono davanti ai famigliari, mente minacciavano con i soliti metodi brutali e barbarici con il mitra anche il fratello Adelmo.

 

Lino fu trasportato con gli altri rastrellati lasciando la famiglia nel terrore e nell'angoscia.

 

Anche il giovane Soragna venne fucilato due giorni dopo dietro il cimitero di Reggiolo.

 

 

Lino, anche tu sei stato barbaramente tolto alla vita nel fiore della gioventù.


Non hai visto sorgere la nuova aurora.


I tuoi ideali ci guidano e tu non sei morto invano.


Continuerai a vivere con noi.

 

 

 

 


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (884 valutazioni)