Con gli avvisi di pagamento TARES i luzzaresi riceveranno una lettera del Sindaco - :: COMUNE DI LUZZARA ::

archivio notizie - :: COMUNE DI LUZZARA ::

Con gli avvisi di pagamento TARES i luzzaresi riceveranno una lettera del Sindaco

 
Con gli avvisi di pagamento TARES i luzzaresi riceveranno una lettera del Sindaco

La tassa introdotta dal governo Monti comporta pesanti  aumenti, non direttamente legati ad incrementi del costo del servizio, su diverse categorie di utenze e che sostituisce completamente la precedente tariffa di igiene ambientale (TIA).

Insieme agli avvisi di pagamento, i luzzaresi troveranno una lettera del sindaco Andrea Costa, che ha ritenuto di dover scrivere ai suoi concittadini per trasparenza e correttezza. “Ci tengo a far sapere – spiega il sindaco Andrea Costa - che la gestione dei rifiuti per il Comune di Luzzara costa circa 1,5 milioni di euro nel 2013, cifra praticamente identica a quella degli anni precedenti. Con la Tares molti cittadini – in particolare le categorie dei negozianti e dei titolari di esercizi pubblici  - si troveranno a dover pagare importi molto più alti rispetto a quanto avvenuto in passato.

 Come spiegare questi aumenti se il costo del servizio per il Comune è rimasto pressoché identico? Il problema è proprio dovuto all’introduzione della Tares, una tassa che prevede un sistema di ripartizione dei costi diverso da quello degli anni precedenti. Ci sono categorie – come ad esempio banche ed uffici – che si ritrovano riduzioni anche del 50%,  ed altre categorie di utenti che si trovano gli aumenti. Su questo sistema di calcolo, purtroppo, i Comuni non hanno voce in capitolo, se non per alcuni piccoli aggiustamenti che a Luzzara siamo stati attenti ad introdurre (c’erano categorie per le quali l’aumento sarebbe arrivato addirittura al 150%, e siamo riusciti a calmierarlo almeno parzialmente).

Siamo stati anche attenti a contenere per quanto possibile i costi del servizio rispetto agli anni scorsi, in modo da diluire ancora di più gli aumenti introdotti dalla Tares. Insomma, dove abbiamo potuto ci siamo adoperati affinché l’arrivo della Tares fosse il meno gravoso possibile.

Purtroppo, nonostante i nostri sforzi – prosegue Costa -  questa nuova tassa resta molto pesante per famiglie, imprese e commercianti. E, lo ribadiamo ancora una volta, non per scelte comunali ma per disposizione statale, perché gli aumenti sono uguali in tutta Italia”.

La Tares prevede inoltre l’introduzione di una maggiorazione statale pari  30 centesimi al metro quadrato: si tratta in sostanza di una nuova tassa sugli immobili (simile alla vecchia Ici o all’Imu) il cui gettito  va interamente allo  Stato e che sarà versata insieme alla terza rata del tributo.

“Che la Tares  sia una tassa  dello  Stato - conclude Costa ­– lo dimostra anche il pronunciamento del Ministero degli inizi di settembre, che ci ha portato a modificare il regolamento che avevamo adottato a Luzzara per alleviare la pesantezza del tributo: in sostanza avevamo scelto di ripartire in tre rate la tassa, posticipando l’ultima a gennaio 2014, consentendo così agli utenti di non subire la classica ‘stangata’ di fine anno. Ebbene, il Ministero ci ha imposto di incassare tutte le rate entro la fine dell’anno. Praticamente, il Comune deve incassare dai cittadini – aumenti compresi – e poi trasferire allo Stato, senza che nulla resti in più all’ente locale.

Noi purtroppo non possiamo far altro che applicare le norme statali, agendo da esattori che però nulla hanno da guadagnare da questi aumenti della tassazione a carico di cittadini ed imprese”.

Famiglie e imprese dovranno utilizzare per il pagamento   i modelli F24 precompilati che troveranno allegati agli avvisi e recarsi presso gli sportelli bancari o postali. 

La prima rata (40%) dovrà essere pagata entro il 16/10/2013, la seconda rata (40%) entro il 16/11/2013,  la terza rata (20% + maggiorazione statale di 0,30 € al mq) entro il 16/12/2013.

 

Si ricorda che la normativa prevede, oltre al tributo comunale,anche  l’applicazione di un’addizionale provinciale del 5% (come approvato dalla Giunta regionale n. 307 del 19/11/2012) sulla quota Comunale.

 

Per maggiori informazioni è possibile consultare il  relativo regolamento comunale  sul sito del Comune oppure rivolgersi il  lunedì mattina, dalle  9.30 alle 12.30,  agli addetti S.A.Ba.R che ricevono in Municipio presso l’Ufficio Relazioni col Pubblico.

 

 


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (1718 valutazioni)